diredonna network
logo
Stai leggendo: 4 motivi per cui dovresti massaggiare il tuo seno

4 motivi per cui dovresti massaggiare il tuo seno

Secondo gli esperti, massaggiare il seno è una fonte preziosa di benefici sia fisici che emotivi. Siete curiose di sapere quali? Scopriteli insieme a noi!
Fonte: Abby Maker per Well+Good

Noi donne amiamo particolarmente il nostro seno. Ci piace curarlo e tenerlo d’occhio perché è una parte molto delicata e allo stesso tempo (per alcune donne) è sinonimo di femminilità. Sono numerose le mamme che ne sono particolarmente affezionate, soprattutto durante il momento dell’allattamento; questo perché ci si sente un tutt’uno con il proprio bambino e il momento diventa speciale.

Insomma, a guardarlo, nessuno direbbe mai che abbia scopi curativi. Ma se vi dicessimo che invece li ha?

Quando ci vogliamo rilassare dopo un lungo periodo di stress, la prima cosa che diciamo, anche solo scherzando è: “ci vorrebbe proprio un bel massaggio“; questo perché i massaggi sono antistress e donano alla mente una meravigliosa sensazione di benessere. Vi è mai capitato di recarvi in un centro benessere e, al momento del massaggio, subire la palpazione o il massaggio al seno?

No? Questo perché non tutti tendono a praticarlo, ma sono in pochi a sapere che, se praticato, il massaggio al seno comporta dei benefici non solo fisici, ma anche emotivi.

Alcune di noi sono troppo timide e si allontanano dall’idea di farsi palpare il seno da un perfetto sconosciuto. Quindi perché non realizzare un bel massaggio fai da te? Non è poi così difficile, bastano due semplici passaggi e il gioco è fatto!

Ma perché massaggiare il seno fa bene? Ecco i motivi:

Stimola il sistema linfatico

Secondo quanto riporta Katinka Locascio, massaggiatrice professionista e fondatrice dell’Earth & Sky Healing Arts, il sistema linfatico del corpo è concentrato maggiormente nelle zone del torace e delle ascelle. Stimolare queste due aree aiuta a mantenere il meccanismo chiave di disintossicazione senza creare intoppi.

Indossare il reggiseno comporta alla fuoriuscita della circolazione linfatica dal seno. Togliere l’indumento e cominciare a massaggiare il seno alla fine della giornata può aiutare il drenaggio dei fluidi della linfa stagnante portandola in una riserva di sangue fresco. Anche se la ricerca è ancora in evoluzione, uno studio ha dimostrato che massaggiare il seno può ridurre un accumulo di linfa nel corpo.

Aiuta a ridurre il gonfiore

Il gonfiore del seno capita a tutte le donne. Ogni volta fa molto male e a seconda di quanto è gonfio, può anche creare un leggero imbarazzo. Nella maggior parte dei casi, però, non è una questione patologica (a meno che il medico non abbia diagnosticato qualcosa di più grave). Può essere semplicemente un sintomo, per esempio durante i giorni che precedono il ciclo. O più semplicemente durante la gravidanza: il gonfiore al seno può essere uno dei segnali che ci avvertono che stiamo aspettando un bambino.

Dietro al gonfiore del seno, comunque, c’è quasi sempre uno sbalzo ormonale e in questo caso non c’è da preoccuparsi perché è un fenomeno che svanisce all’incombere della menopausa. La Locascio rivela anche questo: massaggiare il seno aiuta a ridurre il gonfiore e la sensibilità.

È ottimo per la prevenzione

Secondo quanto riporta l’esperta di bellezza Jessa Blades sul medesimo articolo di Well+Good, massaggiare il seno è una cura abbastanza efficace per la prevenzione. Imparare a entrare in contatto regolarmente con il proprio seno permetterà alle donne di capire prima ancora degli esperti quando c’è qualcosa che non va (tipo un dolore inspiegabile o la presenza di noduli).

Guarisce a livello emotivo

Il seno entra in contatto con la gravidanza, con l’allattamento e, nel peggiore dei casi, anche con il cancro. Il massaggio è un modo di provare piacere; di conseguenza non ci sentiremo confuse o impaurite perché ci trasmetterà una sensazione di protezione.

Come massaggiare il seno

Sebbene secondo Katinka non esistano metodi sbagliati per eseguire il massaggio al seno, esiste comunque un movimento ideale che permette di ottenere il massimo. L’esperta lo ha rivelato e noi vogliamo riproporvelo.

Prima di tutto, bisogna applicare un olio sul seno e sulle ascelle. Le aziende stanno iniziando a produrre prodotti specifici per il massaggio del seno naturale. L’esperta suggerisce l’olio di calendula, di cocco o di oliva.

Iniziate poggiando dolcemente una mano appena sopra il seno opposto (la punta delle dita deve essere in direzione delle ascelle e il pollice sulla parte anteriore del seno). Premete delicatamente la zona effettuando un movimento di pompaggio ritmico.

Successivamente, spostate lentamente la mano verso il basso sulla parte superiore del seno. In questo modo andrete a lavorare intorno alla parte esterna, a quella sottostante, nella parte interna, intorno al capezzolo e di nuovo verso l’ascella. Bisogna spostare il fluido dal seno verso le ascelle. Potrete anche optare per movimenti più veloci o più lenti. L’importante è che vi sentiate bene e che proviate piacere.

“Questa non è solamente un’attività robotica per spostare il fluido linfatico ma è anche un modo per collegarvi con il vostro corpo.” – dichiara l’esperta

È preferibile fare il massaggio per cinque o dieci minuti alla volta, tre o quattro volte alla settimana. Una volta finito, si consiglia di evitare il reggiseno per un po’.