diredonna network
logo
Stai leggendo: 12 rimedi naturali e fai da te contro le punture di zanzara.

12 rimedi naturali e fai da te contro le punture di zanzara.

Estate è sinonimo di zanzare! Questi piccoli insetti provocano gonfiori, rossori e irritazioni con le loro punture.Ecco 12 metodi naturali e fai da te per prevenire e curare i fastidi causati dalle punture.
zanzara

L’estate è da sempre portatrice sana di zanzare. Le loro punture sono inopportune e fastidiose. Questi insetti si riproducono nelle acque  stagnanti e solitamente ci colpiscono a tradimento lasciando sulla nostra pelle gonfiori, rossori e insopportabili pruriti. 

Esistono moltissimi metodi, anche naturali, per tenere lontani questi ospiti indesiderati. Ma se non riuscite ad evitare le loro punture, eccovi 12 metodi fai-da-te per limitare i danni creati da questi fastidiosi nemici. 

(Mi raccomando! I consigli sono da seguire SOLO nel caso non siate allergici. Se così fosse, solo un esperto può aiutarvi!)

Saliva:

La saliva è un rimedio di emergenza, ma che in casi estremi, diventa utile per alleviare prurito e gonfiore. Basta inumidire la puntura.

Ghiaccio:

È consigliato passare sulla puntura un cubetto di ghiaccio avvolto in un fazzoletto di cotone pulito. In questo modo dovreste immediatamente provare una sensazione di sollievo, attenuando il prurito, rinfrescandovi.

Dentifricio:

Applicate il dentifricio, possibilmente al gusto mentolo, sulla puntura. Lasciatelo asciugare per circa 15-20 minuti e poi lavatelo via. L’irritazione dovrebbe attenuarsi e anche in questo caso la sensazione di sollievo dal prurito dovrebbe risultarvi immediata.

Limone:

Secondo i racconti della nonna, strofinare una fettina di limone, permette di evitare le punture di zanzare. Se siete già stati pizzicati però, il limone rimane efficiente per lenire gonfiori e pruriti. 

Miele:

Il miele è davvero un alimento completo che possiede anche delle proprietà antibatteriche che si rivelano utili davanti alla puntura di un insetto. Potete utilizzarlo sulla pelle irritata, sia da solo che mescolato insieme ad un cucchiaino di bicarbonato di sodio. 

Sale:

Se volete utilizzare il sale, scioglietene un cucchiaio in un bicchiere d’acqua e con l’aiuto di un batuffolo, tamponate l’area della puntura. In questo caso l’infiammazione sarà immediatamente alleviata. 

Cipolla:

Tra i rimedi della nonna esiste anche quello di passare sulla puntura una fettina di cipolla. Non favorirà certo la vostra vita sociale ma il sacrificio vale la pena perchè il prurito scompare subito.

Aglio:

Sempre secondo la saggezza popolare, strofinare dell’aglio sulla puntura di insetto dovrebbe svolgere un’azione lenitiva, attenuando gonfiori e pruriti (a patto che l’odore non vi crei disagi). Inoltre, pare che mangiare abitualmente aglio contribuisca a tenere lontane le zanzare e a prevenire future irritazioni.

Aspirina: 

Chi non è allergico a questo farmaco può schiacciare una compressa e mescolarla poi con l’acqua e passare la pasta ricavata sulla zona irritata: un rimedio molto efficace quanto semplice.

Bicarbonato di Sodio:

Come abbiamo già detto il bicarbonato di sodio può essere associato al miele e in alternativa è possibile mescolarlo all’acqua, ottenendo come per l’aspirina, una pasta da applicare sulla puntura.

Lavanda:

Anche la lavanda ha proprietà  lenitive e rinfrescanti: per questo, potete strofinare sulla vostra puntura delle foglie di lavanda oppure tamponarla con un batuffolo intriso di olio essenziale di lavanda.

Aloe Vera:

Anche l’Aloe Vera è famosa per le sue proprietà lenitive: applicando un gel o un preparato di dell’aloe sulla puntura, l’infiammazione e il prurito dovrebbero sparire.